Corri più forte, se puoi.

Realizzare i propri sogni, desideri, voleri, è la forma più autentica di espressione dell’essere umano. Ciò che ci contraddistingue dagli altri esseri viventi è il pensiero strutturato, la volontà di agire secondo un fine predeterminato e i mezzi per farlo. Ognuno di noi ha avuto, ha o avrà un desiderio da concretizzare, che sia esso professionale, familiare o socio-sportivo, economico o legato a cose materiali. I sogni, i desideri non devono essere giudicati proprio perché provengono dall’io profondo della persona e per questo sono suoi propri, e di nessun altro; non devono essere compresi ma solo inseguiti e rincorsi, ma per farlo è necessario allenarsi, a volte duramente.

Da bambini i nostri genitori possono sostenerci o meno nella coltivazione del sogno, e da questo, spesso, dipenderà la sua realizzazione.

Da grandi, quando i sogni cambiano o si trasformano, siamo da soli a gestire la loro riuscita: non illudiamoci di trovare negli altri la forza e il coraggio per portarli avanti, ma è solo nelle nostre mani aperte ad accogliere il desiderio che possiamo osservarlo e capirlo, e nei pugni chiusi per non farlo scappare che possiamo portarlo con noi sulla strada della realizzazione.

Abbiamo una sola vita, purtroppo, e dovremo cercare di vivere al meglio delle nostre capacità e possibilità, provando ad essere noi stessi in ogni occasione, assecondando gli istinti ottimisti e positivi che vengono dalle nostre pulsioni: saremo felici solo quando ci sentiremo realizzati. La realizzazione di sé passa attraverso la voglia di essere felici e la presa di coscienza del nostro potenziale: la sicurezza nelle nostre capacità è un fondamentale pilastro per poter costruire la nostra soddisfazione. Credere e capire che il desiderio è realizzabile è un passo imprescindibile sulla strada della godereccia sensazione di avercela fatta: il sacrificio è necessario e inderogabile, i dubbi inevitabili e doverosi, lo scoraggiamento conseguente e irrinunciabile. È da questo che ripartiremo, se dovessimo cadere, perché non c è strada senza buche e non c è bosco senza insidie, non c è pista senza vento e non c è corsa senza fatica.

Correre dietro al nostro sogno è sinonimo di libertà, di gioia di vivere, di grinta e di efficienza. Qualsiasi sogno abbiate, non pensate mai che sia sciocco o inarrivabile: anche solo per il fatto che risiede in voi, avete il dovere di ascoltarlo, e di fare tutto ciò che è in vostro possesso per renderlo reale. Abbiate cura dei vostri desideri cari miei lettori, siate forti e tenaci, qualsiasi gara stiate correndo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.